The Voice of Italy 2016, parte la sfida

di Mario Commenta

Questa sera su Rai 2 la prima puntata e il grande ritorno di Raffaella Carrà.

Senza dubbio si tratta di uno degli eventi di punta della stagione televisiva. Un appuntamento che oltretutto segna anche il rientro della «signora» della Tv Raffaella Carrà.

Il programma la aveva vista come madrina nella prima edizione. Si tratta di «The Voice of Italy». Il format è stato completamente rinnovato e insieme alla bionda del «Tuka Tuka» ci saranno con tre nuovi coach: Dolcenera, Emis Killa e Max Pezzali.

Saranno loro, da stasera alle 21.15 su Rai2, a occupare le quattro poltrone rosse del talent. Quattordici puntate per tornare alla ricerca di volti nuovi della musica italiana, da scoprire partendo solo dalla voce.

A condurre questa quarta edizione ci sarà ancora Federico Russo, mentre nei panni della V-Reporter sarà Angelina che mostrerà i retroscena e le curiosità, e interagirà con il pubblico da casa attraverso il sito ufficiale www.thevoiceofitaly.rai.it e i social network.

Il programma, inoltre, sarà seguito in diretta anche da Radio2 Rai con «The Voice of Radio2».

Oltre i quattro trainer, novità anche nello svolgimento delle quattro fasi della gara, durante la quale i talenti si esibiranno dal vivo con un’orchestra che eseguirà la grande musica italiana e internazionale. Le Blind Audition, le audizioni durante le quali i Coach non possono vedere il talento, passeranno da cinque a sei, mentre per le due Battle i Coach dovranno scegliere tre componenti della propria squadra anziché due, e solo uno accederà alla fase successiva.

Anche in questa edizione, inoltre, sarà valida l’opzione Steal, grazie alla quale i cantanti eliminati da un Coach, potranno essere recuperati da un altro. Seguirà la fase dei due Knockout, durante la quale i talenti si sfideranno con il loro cavallo di battaglia. Si arriverà così alla parte finale e più attesa dello show con i quattro Live, che decreteranno il vincitore del programma .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>