X-Father è il nuovo programma tv condotto da Valeria Marini

di Mario Commenta

La soubrette sarda in un reality per cercare il padre dei suoi figli.

Un esperimento, per certi versi, interessante. Valeria Marini lancia il suo nuovo programma televisivo. E alla base c’è un chiarissimo obiettivo: “Cerco il padre di mio figlio”. I pretendenti al ‘trono’, dunque, possono iniziare a preparare il proprio curriculum. Già, perché maniera del tutto singolare la celebre soubrette ha deciso di cercare l’uomo che la renderà mamma attraverso un reality show.

valeria marini

Si chiamerà X-Father, spiega il settimanale di gossip Oggi, che ha intervistato l’attrice sarda, ormai prossima a celebrare i suoi 50 anni.

Dopo le relazioni finite male, tra le quali il matrimonio con l’imprenditore Giovanni Cottone, annullato dalla Sacra Rota, l’amicizia con il conduttore Paolo Brosio e la storia con il procuratore sportivo Patrick Baldassarri, Valeria Marini ha dunque deciso di non affidare più al caso la propria vita sentimentale. Soprattutto visto il suo forte desiderio di diventare presto mamma (considerato anche il correre veloce dell’orologio biologico).

Così quest’inverno la showgirl, attraverso la docu-fiction X-Father incentrata sulla sua vita privata, cercherà il padre ideale di suo figlio in giro per il mondo, attraverso i metodi di ricerca del gruppo“Gunther” ideato da Maurizio Mian.

Lo ha annunciato lei stessa al settimanale Oggi: “Cerco il padre di mio figlio e lo farò sotto i riflettori. Al mio equilibrio manca un figlio, ma non voglio più ritrovarmi dentro storie sbagliate. Così cercherò il padre e l’uomo ideale nella docu-fiction X-Father”.

Un esperimento singolare, dunque, quello della soubrette sarda. Che non farà di certo fatica a trovare concorrenti per questo particolarissimo reality. Ne siamo sicuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>