Jovanotti, I soliti idioti e Roberto Saviano ospiti nella prima puntata de Le invasioni barbariche (domani su La7)

di Maris Matteucci Commenta

Moltissimi ospiti nella prima puntata de Le invasioni barbariche, condotto da Daria Bignardi su La7

Saranno Jovanotti, I soliti idioti e Roberto Saviano i due attesissimi ospiti della prima puntata de Le invasioni barbariche, il programma condotto dalla giornalista Daria Bignardi.


La7 dunque parte subito fortissimo e punta su Jovanotti e Saviano, due dei personaggi più rappresentativi della scena artistica italiana (cantante l’uno, scrittore l’altro). Entusiasta la presentatrice Daria Bognardi che racconta di essere andata a contattare Roberto Saviano addirittura a New York. In una intervista a Repubblica la conduttrice di La7 ha anticipato alcune delle domande che rivolgerà allo scrittore che vive sotto scorta dopo l’uscita del suo libro Gomorra che portava alla luce alcune dinamiche della camorra.

Il Governo Monti, Cosentino, la criminalità organizzata: saranno questi gli argomenti sui quali sarà incalzato Roberto Saviano. E poi Jovanotti che tornerà a parlare della tragedia di Trieste nel quale ha perso la vita il giovanissimo Francesco Pinna, uno dei ragazzi impegnati a montare il palco sul quale si sarebbe dovuto esibire l’artista toscano.

Ma oltre a Roberto Saviano e Jovanotti, tra gli ospiti de Le invasioni barbariche ci saranno anche I soliti idioti, il duo formato da Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio che al botteghino ha sbancato con l’omonimo film. Daria Bignardi dice che la loro presenza sarà l’elemento più barbarico della prima puntata.

Insomma una puntata decisamente ricca per cominciare con il botto la nuova stagione. Le puntate dovrebbero essere dodici anche se La7 aveva chiesto alla conduttrice di presentarne quattordici. Ma pare che lei abbia rifiutato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>