La storia di Wanna Marchi diventa una serie Tv

di Stefania Russo Commenta

Wanna Marchi, la venditrice/truffatrice più famosa in italia, ha avuto una vita senza dubbio ricca di colpi di scena e per nulla monotona..

wanna-marchi-stefania-nobile

Wanna Marchi, la venditrice/truffatrice più famosa in italia, ha avuto una vita senza dubbio ricca di colpi di scena e per nulla monotona, una vita che ha ispirato “La strega della tv: Wanna Marchi“, un libro-inchiesta scritto Stefano Zurlo che verrà presentato la prossima settimana.

La stessa Albatross Entertainment che ha pubblicato il libro, inoltre, ha fatto sapere che ha in programma la realizzazione di un miniserie Tv ispirata proprio al libro di Stefano Zurlo.


Come nel libro anche nella miniserie verranno raccontati tutti i fatti che hanno portato alla condanna di Wanna Marchi e di sua figlia Stefania Nobile nonchè degli altri soggetti coinvolti nella vicenda quali il mago Do Nascimento, il marito di Wanna Marchi Raimondo Nobile e il maggiore della Guardia di Finanza Piergiuseppe Cananzi.

Il libro, così come la miniserie, rappresentano una forma di manifesto. Il libro, infatti, sarà presentato alla Camera con la proposta di legge, avanzata su iniziativa dell’onorevole Ghedini, di trasformare il reato di truffa tv in truffa aggravata.


Vanna Marchi e sua figlia Stefania, ricordiamo, sono state condannate a dieci anni di reclusione per bancarotta fraudolenta, per truffa aggravata e associazione per delinquere a causa delle loro trasmissioni televisive in cui raggiravano spettatori sprovveduti pronti a cadere nella loro trappola.

Albatross Entertainment, nel diffondere la notizia, aveva affermato che probabilmente la miniserie sarebbe stata inserita nel palinsesto della prossima stagione tv Rai, notizia prontamente smentita dall’emittente televisiva che in una nota ha precisato che non rientra nei piani di RaiFiction alcuna produzione relativa a Wanna Marchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>