Intervista a Giuliano Cimetti

di Cristina Baruffi Commenta

Abbiamo appena avuto il piacere di parlare con Giuliano Cimetti, l'ultimo escluso dal Grande Fratello 11.

Giuliano-Cimetti

Abbiamo appena avuto il piacere di parlare con Giuliano Cimetti, l’ultimo escluso dal Grande Fratello 11.
Il ragazzo si è dimostrato subito disponibile e molto schietto, come ha sempre dimostrato nel corso dei 92 giorni passati all’interno del reality show. Giuliano rivela che non si sarebbe mai aspettato l’eliminazione, ma dice di accettare la decisione del pubblico, anche se l’esclusione dal programma significa perdere il montepremi di 250 mila euro, l’unico obiettivo della sua partecipazione.
Il comasco si è fatto conoscere nella Casa per i modi diretti e per la grande schiettezza, che è stata spesso interpretata dagli altri concorrenti come cinismo, tuttavia sostiene di non avere rimpianti e di avere voluto partecipare alla trasmissione solo per soldi e non per fare amicizie.
A differenza di altri ragazzi, che hanno dichiarato pubblicamente di voler utilizzare il programma come trampolino di lancio, per entrare nel mondo dello spettacolo, Giuliano vuole trovare un lavoro a tempo indeterminato lasciando per sempre la professione di gigolò, anche se sfrutterà questo momento, per mettere da parte un po’ di soldi.


Ci racconta di aver fatto i provini per sei anni consecutivi e di essere stato scelto per la grande determinazione, e perché la sua storia personale rispecchiava la situazione di tanti operai messi in cassa integrazione.
Cogliamo l’occasione per porgere l’ultima domanda, secondo Giuliano vincerà Ferdinando e parlando di Davide è convinto che il ragazzo non stia attuando nessuna strategia perché piace alle donne per i modi galanti e purtroppo questo suo amore per le belle ragazze sta rovinando la sua immagine, facendogli perdere credibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>