Grande fratello 11, 29 novembre 2010

di Cristina Baruffi Commenta

Angelica è stanca di essere definita falsa e buonista dagli altri concorrenti.

Vb_Gf11_FerdinandoAngelica

Dopo la lettura dei giudizi, scattano le reazioni da parte dei concorrenti. Angelica è quella che reagisce peggio al gioco dei bigliettini anonimi, è stanca di essere definita falsa e buonista dagli altri concorrenti, vorrebbe che gli autori di certe frasi abbiano il coraggio di ripeterle davanti a lei.
La romana si rivolge in particolare a Giuliano. I due iniziano a discutere animatamente, Ferdinando interviene per difenderla nella discussione finendo a sua volta per litigare furiosamente con Davide.
Nel mentre tra Guendalina e Angelica volano parole: la ex cubista accusa la barista romana di aver fatto il lavaggio del cervello a Caroline, parlando male di molte ragazze della Casa, Angelica cerca di discolparsi ma poi si rifugia in camera da Rosa con le lacrime agli occhi.


Margherita, ha trovato stupidi i commenti scritti su Nando, per lei è un ragazzo intelligente nonostante i suoi deficit lessicali; anche Francesca reagisce bene quando un anonimo del gruppo la definisce “bella addormentata nel bosco”. Nel frattempo al centro delle discussioni di Sheila e Guendalina c’è ancora Ilaria, le due hanno una pessima opinione sulla fidanzata di Pietro, sostengono infatti, che la toscana non sarebbe stata presa in considerazione come concorrente se non fosse stato per il pericoloso rapporto che Pietro aveva instaurato con la mamma romana all’interno della Casa.
Dopo le varie discussioni in Casa, Angelica e Ferdinando decidono che è arrivato il momento di chiarire con i rispettivi concorrenti e si dividono, il salernitano cerca di trovare prima un punto di contatto con Giuliano (non riuscendoci) e poi con Nando, sull’altro fronte Angelica si confessa con le amiche dicendo che non sopporta più l’atteggiamento di Guendalina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>