Quarto Grado anticipazioni stasera 1 marzo 2013

di Maris Matteucci Commenta

Ecco le anticipazioni di Quarto Grado per la puntata di stasera 1 marzo 2013

Ecco le anticipazioni di Quarto Grado per la puntata di stasera 1 marzo 2013. Tanta carna al fuoco per il programma condotto da Salvo Sottile con la collaborazione di Sabrina Scampini che ogni venerdì sera approfondisce i casi di cronaca nera.

Questa sera Quarto Grado tornerà a parlare dell’omicidio di Sarah Scazzi, la sedicenne uccisa nell’agosto di due anni fa ad Avetrana e per la cui morte sono in galera Cosima Serrano e Sabrina Misseri.


Secondo l’ultima ricostruzione resa nota dal pm Mariano Buccoliero, Sarah Scazzi sarebbe uscita di casa il 26 agosto del 2010 intorno alle 14.45 e sarebbe arrivata a casa dagli zii, dove è avvenuta la tragedia, intorno alle 14. Lì sarebbe stata uccisa prima dell’arrivo di Mariangela, amica di Sabrina, che alle 14,40 dichiara di trovare Sabrina Misseri in strada in preda a stato di agitazione. Dopo il caso di Sarah Scazzi Quarto Grado tornerà ad occuparsi anche del caso di Denise Pipitone, scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo all’età di quattro anni e mai più ritrovata. La mamma Piera Maggio non si arrende e chiede che venga fatta luce su di una vicenda che in effetti nasconde ancora molti lati oscuri. Alcune intercettazioni incastrerebbero la sorellastra di Denise Pipitone – Jessica Pulizzi – che è stata ascoltata in aula anche recentemente: la ragazza ha affermato che potrebbe essere stato suo padre a rapire la piccola Denise.

E ancora, secondo le anticipazioni di Quarto Grado, Salvo Sottile riapprofondirà il caso di scomparsa di Roberta Ragusa, la donna sparita da San Giuliano Terme nella notte tra il 13 e il 14 gennaio del 2012. Il marito Antonio Logli è il principale indiziato ma l’uomo si dichiara innocente e disposto a collaborare con gli inquirenti. La vicenda è ancora avvolta nel mistero. Sul finale la trasmissione di Rete 4 proprorrà un rapido aggiornamento sulle indagini che vedono triste protagonista Yara Gambirasio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>