Claudio Amendola lascia Le Iene per il troppo stress

di Maris Matteucci Commenta

Claudio Amendola lascia Le Iene, il programma di Italia 1 che ha condotto - seppur per breve - con Ilary Blasi ed Enrico Brignano

Pare essere finita anche l’avventura di Claudio Amendola alla conduzione de Le Iene. Quest’anno non è proprio fortunato per la trasmissione di denuncia di Italia 1 che, dopo l’addio di Luca e Paolo, ha fatto non poca fatica a rimpiazzarli.

All’inizio ci ha provato con Luca Argentero, attore torinese pieno di impegni che dopo pochissime puntate ha abbandonato la trasmissione per concentrarsi sul film di Marco Risi di cui è protagonista. Quindi Davide Parenti, regista de Le Iene, è andato a pescare un altro “mostro sacro” del cinema italiano, Alessandro Gassman. Ma anche il romano, pieno di impegni paralleli, ha abbandonato dopo pochissimo, suo malgrado.


Così Le Iene sono andate, per la terza volta, alla ricerca di un altro conduttore da poter affiancare a Ilary Blasi ed Enrico Brignano e la decisione finale è caduta su Claudio Amendola. Peccato che il Giulio de I Cesaroni fosse impegnato contemporaneamente su più fronti (anche lui è nel cast del film di Marco Risi e ha ultimato da poco le riprese della nuova edizione de I Cesaroni) e alla fine ha avuto una sorta di crollo da stress, come specificato dallo stesso regista Davide Parenti.

Il medico ha consigliato all’attore romano quattro settimane di riposo assoluto ed ecco perché la parentesi di Claudio Amendola a Le Iene sembra già essersi chiusa. Anche se il regista ha fatto sapere che stavolta non cercherà nessun altro e aspetterà che il terzo presentatore del programma possa riprendersi in tempi rapidi. Così, per le prossime puntate, alla conduzione del programma di denuncia di Italia 1 ci saranno soltanto Ilary Blasi e Enrico Brignano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>