Anticipazioni Mistero puntata 6 marzo 2013

di Maris Matteucci Commenta

Stasera su Italia 1 andrà in onda una nuova puntata di Mistero che, come sempre, analizzerà i più disparati casi legati a fenomeni paranormali

Stasera su Italia 1 andrà in onda una nuova puntata di Mistero che, come sempre, analizzerà i più disparati casi legati a fenomeni paranormali.

Grazie a ricerche approfondite e testimonianze di persone esperte in materia, Mistero cercherà di portare alla luce casi apparentemente non spiegabili. La puntata di stasera (6 marzo) di Mistero partirà dal fenomeno delle scie chimiche ovvero di quelle scie “sparate” dal retro di alcuni aerei.


Sull’utilità di queste scie si è detto di tutto un po’ e le teorie sono le più disparate. Alcuni pensano che queste scie altro non siano che un piano di irrorazioni mirato ad alterare il clima; altri invece credono che servano a “lanciare” alcuni tipi di malattie su ben precise zone di popolazione. Si tratta insomma di teorie del complotto mai confermate ma che tengono alta la curiosità. Durante il corso della puntata Mistero andrà poi a Barcellona e parlerà dei fenomeni misteriosi che da sempre hanno avvolto la città catalana: massoneria, “culti solari” e chi più ne ha più ne metta.

Ma come succede da qualche tempo a questo parte, il programma di Italia 1 indagherà anche sui principali casi di cronaca nera italiani (al pari di come fanno trasmissioni come Chi l’ha visto e Quarto Grado): questa sera, per esempio, Mistero riporterà sotto i riflettori il caso di Emanuela Orlandi avvolto ancora – a distanza di moltissimi anni – da un alone di mistero. In chiusura ci saranno poi le rubriche fisse curate da Daniele Gullà, Pablo Ayo e Rachele Restivo. Senza dimenticare i servizi di Adam Kadmo tutti dedicati ai complotti internazionali.

Mistero è un programma condotto da un team piuttosto nutrito di persone. Daniele Bossari, Rachele Restivo, Andrea Pinketts, Marco Berry, Jane Alexander, Nicole Pelizzari e la new entry Lucilla Agosti che ha sostituito di fatto Paolo Barale (sui motivi del suo addio non si sono mai avute informazioni precise).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>