The Horde, recensione del film

di Elena Botta Commenta

The Horde è un film che parla di vendetta

the horde

The Horde diretto da Yannick Dahan e Benjamin Rocher, ambientato in una banlieue parigina è la storia di quattro poliziotti che vogliono vendicarsi della morte di un loro collega assasinato da una banda di terribili delinquenti.
Si rinchiudono in una casa popolare abbandonata ad aspettare l’ arrivo dei nemici, ma la loro vendetta si trsformerà in un incubo inaspettato perchè verrano attaccati da orde di creature sanguinarie che li assedieranno all’interno del palazzo.



I film di zombie, da Romero in poi, spesso sono sinonimo di politica e questa pellicola non fa eccezione, infatti è un manifesto rabbioso sulla situazione francese attuale.
Il tema che domina tutto il film è la vendetta che si esplica sullo schermo in maniera diretta e violenta ma è una vendetta che non porterà risultati in quanto il genere umano, secondo i registi, si è dannato da solo; il sangue può generare solo sangue, senza possibilità di redenzione come in un circolo vizioso impossibile da interrompere.
Persino la protagonista femminile che, dopo aver scoperto di essere incinta, cerca nella vendetta la giustificazione alla violenza in nome proprio del bambino che porta in grembo,è una figura negativa che getta addosso allo spettatore un messaggio di pessimismo paralizzante senza una via d’uscita.
Sicuramente è un film dai contorni nichilisti in quanto si crogiola in quest’ idea che l’ umanità ha perso completamente la sua natura affettiva per trasformarla in solitudine ed egoismo.
I protagonisti cercano di allearsi per combattere i morti viventi, ma la loro unione sarà destinata a fallire proprio perchè non è dettata da una solidarietà vera e propria ma solo da disperazione e attaccamento alla vita.
Violenza genera violenza, è un tema che spesso ritorna nel cinema da Arancia Meccanica in poi, ma in questo film però non c’è un’ ironia di fondo ma solo la consapevolezza che questo non genererà mai nulla di buono finchè non vi sarà un cambiamento radicale nella mente delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>