Paul Thomas Anderson sta preparando Inherent Vice di Thomas Pynchon

di Elena Botta Commenta

Paul Thomas Anderson sta lavorando all'adattamento cinematografico, nelle vesti di sceneggiatore e regista, di un romanzo dello scrittore Thomas Pynchon dal titolo Inherent Vice

paul-thomas-anderson-birthday

Paul Thomas Anderson sta lavorando all’adattamento cinematografico, nelle vesti di sceneggiatore e regista, di un romanzo dello scrittore Thomas Pynchon dal titolo Inherent Vice, che in Italia non è ancora uscito.
La vicenda narra di un detective privato che si trova a scoprire un piano per un rapimento di un grande imprenditore edile nella Los Angeles degli anni Sessanta in cui circolano droghe di ogni tipo.
Il regista attualmente sta lavorando sulla sceneggiatura ma non sappiamo ancora a che punto sia arrivato e pare che il ruolo del protagonista lo voglia affidare a Robert Downey Junior (che è attualmente sul set di Sherlock Holmes 2 al fianco dell’attore inglese Jude Law, di cui possiamo vedere le prime foto rubate dal set), ma di più non sappiamo.



Paul Thomas Anderson è uno dei registi più promettenti degli ultimi anni, infatti riceve la sua prima candidatura all’Oscar per Boogie Nights -l’altra Hollywood nel 1997, film incentrato sul mondo del porno nella città del cinema che vede come protagonista un bravissimo Mark Wahlberg che interpreta l’apogeo e la caduta di un famoso attore hard.
Nel 1999 si aggiudica l’Orso d’Oro al Festival del cinema di Berlino per l’intenso Magnolia, che vede intrecciare le storie di molti personaggi come Julianne Moore, Tom Cruise (che in questa pellicola è molto convincente nei panni di un santone del sesso), William H. Macy e Philiph Seymour Hoffman e riceve tre candidature agli Academy Awards.
Nel 2008 riceve di nuovo l’Orso d’Oro per la miglior regia e ben otto candidature agli Oscar per il bellissimo Il Petroliere che vede un intenso (come al solito) Daniel Day Lewis nei panni di un imprenditore che adotta il figlio di un operaio che muore in un incidente e con cui instaura un rapporto conflittuale e drammatico.
La scena finale, di cui non parleremo per rispetto a chi non l’ha visto, è straordinaria e geniale e ha davvero messo in luce forse il miglior regista degli ultimi anni.
Quindi possiamo immaginare che da uno scrittore quale Thomas Pynchon e un genio creativo come Paul Thomas Anderson verrà sicuramente fuori un altro capolavoro.
Intanto ha sospeso i lavori per il film The Master, storia incentrata su Scientology, setta che vuole conquistare il mondo, in cui Seymour Hoffman veste i panni del suo carismatico leader Ron Hubbard scomparso recentemente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>