Primo ciak per “Terraferma”

di Marina Pellegrino Commenta

E' una storia di immigrazione, di sbarchi clandestini e di difficoltà di una donna dell’Africa sub-sahariana che, insieme al figlio di nove anni, cerca di raggiungere questa volta il sogno italiano..

emanuele-crialese-29558

Emanuele Crialese ha cominciato a girare le prime scene del suo nuovo film “Terraferma”.
Il regista romano è tornato a lavoro dietro la macchina da presa quattro anni dopo l’emigrante “Nuovomondo”, pellicola vincitrice del premio “Cinema Avvenire” per la regia alla Mostra di Venezia nel 2006 e di tre David di Donatello.

Ma se Nuovomondo era una storia di siciliani emigranti che s’imbarcano alla ricerca del sogno americano, “Terraferma” è una storia di immigrazione, di sbarchi clandestini e di difficoltà di una donna dell’Africa sub-sahariana che, insieme al figlio di nove anni, cerca di raggiungere questa volta il sogno italiano, fino allo sbarco in Sicilia.



Il film è una produzione italo francese, con Cattleya e Rai Cinema partner italiani, ed è stato scritto da Emanuele Crialese insieme a Vittorio Moroni.
La terraferma di cui parla Crialese è ancora una volta, dopo la Lampedusa di otto anni fa di “Respiro”, un’isola siciliana, Linosa. Terminata la maggior parte delle riprese a Linosa, tutta la troupe, regista e attori si sposteranno a Lampedusa per ultimare la lavorazione del film.
La protagonista femminile è Donatella Finocchiaro, nel cast insieme a Beppe Fiorello, Tiziana Lodato, Mimmo Cuticchio, la modella milanese Martina Codecasa, Filippo Pucillo e molti attori siciliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>