Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni: recensione

di Elena Botta Commenta

Oggi, venerdì 3 dicembre esce in tutte le sale italiane Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni, ultima fatica di Woody Allen

Incontrerai-l-uomo-dei-tuoi-sogni-cinema-e-illusioni_o_ah

Oggi, venerdì 3 dicembre esce in tutte le sale italiane Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni, ultima fatica di Woody Allen.
Il film narra le vicende di due coppie sposate in preda a crisi, ansie, passioni e guai, che si sfasciano per andare alla ricerca di una felicità altrove e che ha come sfondo una Londra frenetica.
La pellicola si basa appunto sulla rivendicazione al diritto di vivere le proprie relazioni basate sull’amore vero, basandosi però su idee illusorie che condanneranno i protagonisti alla ricerca della propria felicità, al di fuori della coppia, inseguendo sogni pressochè irrealizzabili basati sulla teoria che si può incontrare la persona dei propri desideri.



Ovviamente Allen tratta la tematica con le solite ansie, che scaturiscono dalla personalità dei personaggi che non riescono a trovare un proprio equilibrio dentro di sè e, che scaricano il tutto sugli altri, ma soprattutto sugli spettatori.
In questo film però il regista non sfodera un umorismo coinvolgente, ma risulta essere piuttosto monotono, ripercorrendo i soliti temi presenti e spesso preponderanti delle sue pellicole.
Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni , risulta così essere un film di basso profilo e privo della verve che ha caratterizzato il regista nei suoi lavori precedenti.
Riprende così il tema della roulette esistenziale nei rapporti di coppia, iniziato con Vicky Cristina Barcelona e continuato con il recente Basta che funzioni, ma senza però aggiungere dei nuovi accattivanti elementi.
Film quindi mediocre che non stupisce e non coinvolge, nonostante il cast stellare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>