Programma della 66° Mostra del Cinema di Venezia

di Stefania Russo Commenta

Il Presidente della Biennale Paolo Baratta e il Direttore del Settore Cinema Marco Müller hanno presentato il programma della 66esima..

mostra venezia

Il Presidente della Biennale Paolo Baratta e il Direttore del Settore Cinema Marco Müller hanno presentato il programma della 66esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che si svolgerà al Lido di Venezia dal 2 al 12 settembre.

Martedì 1 settembre ci sarà una serata di pre-apertura che si terrà alle ore 21:00 presso l’Arena di Campo San Polo e durante la quale verrà proiettata La grande guerra di Mario Monicelli del 1959. Il 2 settembre, invece, ci sarà la Cerimonia di apertura durante la quale verrà proiettata in prima mondiale Baarìa di Giuseppe Tornatore.


I film in programma sono suddivisi in sei sezioni della selezione ufficiale, Venezia 66, Fuori Concorso, Orizzonti, Controcampo Italiano, Corto Cortissimo, Questi Fantasmi, e in due sezioni autonome, Settimana Internazionale della Critica e Giornate degli Autori.


Ecco l’elenco dei film in programma:

Venezia 66

Baarìa, di Giuseppe Tornatore (film d’apertura)
– Soul Kitchen, di Fatih Akin
– La doppia ora, Giuseppe Capotondi
– Yi ngoi (Accident), di Cheand Pou-Soi
– Persécution, di Patrice Chéreau
– Lo spazio bianco, di Francesca Comencini
– White Material, di Claire Denis
Mr. Nobody, di Jaco van Dormael
– A Single Man, di Tom Ford
– Lourdes, di Jessica Hausner
– Bad Lieutenant: Port of Call New Orleans, di Werner Herzog
The Road, di John Hillcoat
– Ahasin Wetei (Between Two Worlds), di Vimukhti Jayasundara
– El Mosafer (The Traveller), di Ahmed Maher
– Levanon (Lebanon), di Samuel Maoz
– Capitalism: A Love Story, di Michael Moore
– Zanan-e bedun-e mardan (Woman Without Men), di Shirin Neshat
Il grande sogno, di Michele Placido
– 36 vues du Pic Saint Loup, di Jacques Rivette
Survival of the Dead, di George A. Romero
– Life During Wartime, di Todd Solondz
– Tetsuo the Bullet Man, di Shinya Tsukamoto
– Lei wangzi (Prince of Texas), di Yonfan

Fuori concorso

– REC 2, di Jaume Balaguerò e Paco Plaza
– Chengdu, wo ai ni (Chengdu, I Love You), di Fruit Chan e Cui Jian
– The Hole, di Joe Dante
– The Men Who Stare at Goats, di Grant Heslov
– Ehky ya Schahrazad (Sheherazade, Tell Me a Story) new version, di Yousry Nasrallah
– Yona Yona Penguin, di Rintaro
The Informant!, di Steven Soderbergh
– Napoli Napoli Napoli, di Abel Ferrara
– Le ombre rosse, di Francesco Maselli
– L’oro di Cuba, di Giuliano Montaldo
– Prove per una tragedia siciliana, di Roman Paska e John Turturro
South of the Border, di Oliver Stone
– Gulaal, di Anurag Kashyap
– Dev D, di Anurag Kashyap
– Brooklyn’s Finest (new version), di Antoine Fuqua
– Delhi 6, di Mehra Rakeysh Omprakash
– Valhalla Rising, di Nicolas Winding Refn

Orizzonti

– Francesca, di Bobby Paunescu (film d’apertura)
– Wahed-Sefr (One-Zero), di Kamla Abou Zekri
– Dohawa (Buried Secrets), di Raja Amari
– Zarte Parasiten (Tender Parasites), di Christian Becker e Oliver Schwabe
– Choi voi (Adrift), di Bui Thac Chuyen
– Korotkoye Zamykaniye (Crush), di Petr Buslov, Alexei German Jr., Boris Khlebnikov, Kirill Serebrennikov, Ivan Vrypayev
– Repo Chick, di Alex Cox
– Engkwentro, di Pepe Diokno
– Aadmi ki aurat aur anya kahaniya (The Man’s Woman and other stories), di Amit Dutta
– Paraiso, di Hector Galvez
– Io sono l’amore, di Luca Guadagnino
– Dou niu (Cow), di Guan Hu
– Touxi (Judge), di Liu Jie
– Pepperminta, di Pipilotti Rist
– Tris di donne & abiti nuziali, di Vincenzo Terracciano
– Insolação, di Daniela Thomas e Felipe Hirsch
– 1428, di Du Haibin
– Viajo porque preciso, volto porque te amo (I Travel because I Have to, I Come Back Because I Love You), di Marcelo Gomez e Karim Ainouz
– Women cengjing de wuchanzhe (Once Unpon a Time Proletarian: 12 Tales of a Century), di Guo Xiaolu
– Villalobos, di Romuald Karmakar
– Il colore delle parole, di Marco Simon Puccioni
– The One All Alone, di Frank Scheffer
– Totò, di Peter Schreiner
– The death of Pentheus, di Philip Haas
– Faces of Seoul, di Gina Kim
– La Bohème, di Werner Herzog
– Mudanza, di Pere Portabella
– Deserto rosa – Luigi Ghirri, di Elisabetta Sgarbi
– Blokadnje Dnevniki (reading Book of Blockade), di Aleksander Sokurov
– Armando Testa – Povero ma moderno, di Pappi Corsicato
– La Danse – Le Ballet de l’Opéra de Paris, di Frederick Wiseman
– Hugo en Afrique, di Stefano Knuchel
– Via della Croce, di Serena Nono

Controcampo italiano

– Poeti, di Toni D’Angelo
– Negli occhi, di Francesco del Grosso e Daniele Anzellotti
– Il compleanno, di Marco Filiberti
– Dieci inverni, di Valerio Mieli
Cosmonauta, di Susanna Nicchiarelli
– Hollywood sul Tevere, di Marco Spagnoli
– Il Piccolo, di Maurizio Zaccaro
– Giuseppe De Santis, di Carlo Lizzani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>