I Vincitori dei Nastri D’Argento 2010

di Tania Falchi Commenta

Consegnati ieri sera nella suggestiva sede del Teatro Greco di Taormina i Nastri D’Argento 2010.Numerosi i premiati ma le vittorie più assolute sono andate a Ferzan Ozpetek e Paolo Virzì..

CINEMA: MINE VAGANTI

Sono stati consegnati ieri sera nella suggestiva sede del Teatro Greco di Taormina i Nastri D’Argento 2010, prestigiosi premi assegnati annualmente dal SNGCI (Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici). Le vittorie più massicce e inconfutabili sono andate a Ferzan Ozpetek e Paolo Virzì. Un trionfo prevedibile per “Mine Vaganti” di Ozpetek in particolar modo, che si è aggiudicato i premi per la miglior commedia, per il miglior attore non protagonista (Ennio Fantastichini), per la migliore attrice non protagonista (ex equo di Elena Sofia Ricci e Lunetta Savino, condiviso anche con Isabella Ragonese nominata per ben due film), per la migliore fotografia (Maurizio Calvesi), e per la migliore canzone originale “Sogno” (interpretata da Patty Pravo).



Non da meno l’ultima riuscitissima opera “La Prima cosa bella” di Paolo Virzì, che ha vinto innanzitutto il premio per la regia del miglior film italiano dell’anno, il riconoscimento più rappresentativo; il film si aggiudica inoltre il premio per la migliore attrice protagonista, che è andato ex equo a Micaela Ramazzotti e Stefania Sandrelli, il premio per la migliore sceneggiatura (scritta da Francesco Bruni, Francesco Piccoli e Paolo Virzì stesso), infine per il migliori costumi con Gabriella Pescucci (premiata anche per il suo lavoro nello spagnolo Agorà).

Nessuno però è rimasto all’asciutto, considerati i numerosi ex equo riportati in questa edizione 2010 e le diverse categorie premiate che hanno ricoperto essenzialmente e realisticamente la produzione italiana di maggior qualità e rilevanza dell’ultimo anno. I numerosi premi e ex equo sono segno anche di un rinnovato entusiasmo della critica italiana per il nostro cinema, a rispecchiare quello già ritrovato del pubblico. Fra i tanti ci piace segnalare i riconoscimenti a Rocco Papaleo come miglior regista esordiente col suo “Basilicata Coast to Coast”; l’ex equo miglior attore protagonista all’inevitabile Elio Germano (La nostra vita) ma anche al Christian De Sica messosi in gioco con Il figlio più piccolo; e per i Nastri D’Argento europei quello vinto da Tilda Swinton per Io sono l’Amore, straordinaria attrice inglese che sta diventando sempre più musa ispiratrice per il nostro Luca Guadagnino. In questa giostra di premi ben distribuiti, sembra invece un contentino finale il nastro d’argento dell’anno 2010 assegnato a Baarìa di Giuseppe Tornatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>