Federica Sciarelli polemica con la Rai per Chi l’ha visto?

di Maris Matteucci Commenta

Federica Sciarelli si chiede perché Chi l'ha visto non venga trasmesso su Rai 1...

Federica Sciarelli ha debuttato mercoledì scorso su Rai 3 con la prima puntata di Chi l’ha visto per la stagione 2012-2013.

E subito il pubblico del programma che da sempre si occupa dei principali casi di scomparsa e di cronaca nera ha confermato la passione per questo genere di televisione: 2.548.000 spettatori e il 10.38% di share mercoledì scorso, in occasione della prima puntata.


Federica Sciarelli è contentissima del suo programma che nel corso degli anni ha gudagnato credibilità grazie all’ottimo lavoro di tutta la redazione e alla serietà con la quale anche il pubblico da casa interviene per dare una mano a coloro che, disperati perché non hanno più notizie dei loro cari, lanciano appelli attraverso la trasmissione di Federica Sciarelli.

LA PRIMA PUNTATA DI CHI L’HA VISTO STAGIONE 2012-2013

Solo una cosa lascia perplessa la conduttrice di Chi l’ha visto: il fatto che ancora il programma venga trasmesso su Rai 3 e non sulle reti ammiraglia della televisione pubblica: “A volte abbiamo battuto le reti ammiraglie – dice Federica Sciarelli sulle pagine di Tv Sorrisi e Canzoni – e mi verrebbe da chiedere perché Chi l’ha visto non venga trasferito su Rai 1. La verità è che noi costiamo appena 70mila euro a puntata mentre programmi come L’Isola dei Famosi ne costano 900mila“.

La conduttrice, insomma, appare piuttosto polemica con la Rai: Ci sono persone come Vittorio Sgarbi che in un anno prendono un milione di euro e poi quando vanno in onda racimolano l’8% di share su Rai 1. Mi piacerebbe avere maggiore supporto economico. Potremmo pagare meglio i programmisti registi e avere un collegamento in più“. Sarà ascoltata?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>