Chi l’ha visto, anticipazioni 20 marzo 2013: Roberta Ragusa e il testimone che accusa Logli

di Maris Matteucci Commenta

Il caso di Roberta Ragusa sarà ampiamente approfondito nella puntata di stasera di Chi l'ha visto...

Questa sera su Rai 3 andrà in onda una nuova puntata di Chi l’ha visto, il programma condotto da Federica Sciarelli e dedicato ai casi di scomparsa che ancora non hanno trovato soluzione.

Tra questi c’è quello che vede protagonista Roberta Ragusa, moglie e madre di due figli sparita da San Giuliano Terme, in Toscana, nella notte tra il 13 e il 14 gennaio dell’anno scorso. Di lei si sono perse le tracce e fin dai primi momenti si è individuato nel marito Antonio Logli il principale sospettato.


La puntata di stasera 20 marzo di Chi l’ha visto lascerà spazio al testimone che, nella notte incriminata, avrebbe detto di avere visto Antonio Logli in macchina intorno a mezzanotte e mezza. Il testimone ha detto di essere sicuro di non sbagliare: “L’ho visto bene in faccia, l’ho riconosciuto al volo. Perché io lo conosco“. Antonio Logli è infatti titolare di una scuola guida che gestiva insieme alla scomparsa Roberta Ragusa e all’amante che nell’autoscuola ricopriva il ruolo di segretaria. La relazione extra-coniugale tra Antonio Logli e la segretaria Sara è stata resa pubblica soltanto dopo la scomparsa di Roberta Ragusa che, in teoria, non sospettava che il marito la tradisse con quella che molti anni addietro era stata anche la baby sitter di famiglia.

La testimonianza del testimone inguaierebbe Antonio Logli che agli inquirenti ha sempre raccontato di essere andato a letto intorno a mezzanotte lasciando la moglie in cucina a scrivere la lista della spesa. Perché l’uomo ha mentito? Sta coprendo qualcuno? Sono questi alcuni degli interrogatori che si porrà Federica Sciarelli che passerà poi ad analizzare anche gli altri casi di cronaca nera e di scomparsa che da tempo tengono viva l’attenzione del pubblico.

Spazio allora alle ultime novità sui casi di Sarah Scazzi, Yara Gambirasio, Lucia Manca oltre ai nuovi appelli sulle persone scomparse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>