Anticipazioni Chi l’ha visto puntata 3 aprile 2013: le ultime sul delitto di Garlasco

di Maris Matteucci Commenta

Il delitto di Garlasco sarà al centro della puntata di stasera di Chi l'ha visto...

Il delitto di Garlasco sarà al centro della puntata di questa sera di Chi l’ha visto, il programma di approfondimento politico condotto su Rai 3 da Federica Sciarelli che raccoglierà l’appello lanciato dalla madre di Chiara Poggi, uccisa barbaramente nell’agosto del 2007.

La ragazza avrebbe compiuto 31 anni lo scorso 31 marzo. A distanza di sei anni da quel massacro che l’ha vista tristemente protagonista, la vicenda non è stata ancora ricostruita. In carcere era finito il fidanzato della vittima Alberto Stasi, poi scarcerato in un secondo momento.


Ma la verità sul delitto di Garlasco non è ancora venuta a galla e Chi l’ha visto cercherà questa sera, attraverso l’appello della madre di Chiara Poggi: “Voglio la verità per mia figlia, la cercherò sempre. Se qualcuno ha visto qualcosa che prima non ha avuto il coraggio di dire, che non si è sentito di raccontare, sarei infinitamente grata se lo facesse adesso“, queste le parole della donna riportate dal sito ufficiale della trasmissione.

La morte di Chiara Poggi non sarà l’unico caso ad essere analizzato nella trasmissione di Rai 3 che da sempre mette grande impegno a riportare alla luce anche i casi del passato. Come quello di Salvatore Coletta e Mariano Farina, due adolescenti scomparsi nel lontano 1992 e mai più ritrovati. Adesso, a distanza di ventuno anni, i Ris analizzeranno alcuni reperti trovati nella cavità di un muro di recinzione della villa nella quale i due ragazzini sono stati visti per l’ultima volta.

Nel corso della puntata, poi, Federica Sciarelli manderà in onda anche le schede delle ultime persone scomparse per le quali l’intervento degli spettatori da casa è fondamentale: chiunque avesse informazioni da dare deve contattare la redazione al numero che passa in sovraimpressione durante la diretta. Come ripete sempre Federica Sciarelli, qualunque indizio può risultare di fondamentale importanza nelle indagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>