Paul Haggins denuncia la chiesa di Scientology

di Elena Botta Commenta

Dopo che il regista Paul Thomas Anderson ha cercato di denunciare lo strapotere di Scientology, seppur indirettamente e con mille difficoltà, altri cineasti si sono fatti avanti e l'ultimo in ordine cronologico è Paul Haggins

scientology_stage

Dopo che il regista Paul Thomas Anderson ha cercato di denunciare lo strapotere di Scientology, seppur indirettamente e con mille difficoltà, altri cineasti si sono fatti avanti e l’ultimo in ordine cronologico è Paul Haggins.
Infatti il regista avrebbe appena terminato di scrivere un saggio a quattro mani con il giornalista del New Yorker Lawrence Wright dal titolo The Heretic of Hollywood: Paul Haggis vs. The Church of Scientology.
Paul Haggins è stato un membro della setta fondata da Ron Hubbard (e dari cui fanno parte molti volti illustri di Hollywood, a partire da Tom Cruise passando per John Travolta) per ben 35 anni e solo recentemente è riuscito ad allontanarsi non senza scontri con l’attuale leader della setta David Miscavige.



Una delle cause che hanno allontanato Haggins da Scientology è stata la campagna per l’abolizione del diritto ai matrimoni omossessuali, dove probabilmente ha compreso del tutto la follia imperante della setta.
Il saggio scritto in collaborazione com Wright racconta la nascita di Scientology e la vita dell’eccentrico fondatore Ron L. Hubbard i cui sprazzi di completa follia sono confluiti nell’elaborazione della struttura di Scientology.
Vengono anche descritte le presunte violenze fisiche che vengono perpetrate a discapito dei membri e sono state raccolte diverse testimonianze di aderenti al culto.
Libro che sicuramente farà scandalo e alzerà una nube di polemiche da parte dei seguaci, attori famosi compresi e che, si spera possa presto diventare un film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>