Alessandra Amoroso è onorata di avere fatto emozionare Sharon Stone nel serale di Amici

di Maris Matteucci Commenta

Alessandra Amoroso ha fatto emozionare Sharon Stone nella puntata di sabato di Amici...

La seconda puntata del serale di Amici, andata in onda sabato scorso, ha visto un’unica protagonista: Alessandra Amoroso. La leccese si è resa protagonista di due performance perfette che le hanno regalato il primo posto in classifica e i complimenti di tutti gli addetti ai lavori.

Non solo: perché Alessandra Amoroso è riuscita anche in una cosa ben più nobile, quella di fare emozionare l’ospite d’onore Sharon Stone che sabato sera faceva parte della giuria esterna insieme a Simone Annicchiarico e Sabrina Ferilli.


L’attrice americana ha versato lacrime di commozione dopo la prima performance della cantante salentina che si è esibita sulle note di “If you don’t know me by know” con tanto di coro gospel alle spalle. A fine esibizione Sharon Stone ha speso parole di elogio per la ex vincitrice di Amici sottolineando come sia bello vedere una artista che mette così tanta passione in quello che fa.

E per una Sharon Stone commossa, c’è stata una Alessandra Amoroso doppiamente emozionata che ha versato lacrime sincere ascoltando le parole della star di Hollywood e ringraziandola più volte per il sostegno a lei dimostrato. La cantante leccese è sempre stata particolarmente sensibile. Non a caso, anche nella prima puntata del serale di Amici, era stata l’unica a lasciarsi andare a lacrime di commozione una volta ricalcato quel palco che qualche anno fa è stato il suo trampolino di lancio.

Alessandro Amoroso, nonostante la rapida scalata verso il successo, è comunque rimasta una ragazza normalissima senza troppi grilli per la testa. “La mia vita è la musica”, ha sempre detto. E si vede…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>